Follow my blog with Bloglovin Google+ LA MACCHINA DA CUCIRE - COME SCEGLIERLA? - Back to SelfCouture

venerdì 7 dicembre 2012

LA MACCHINA DA CUCIRE - COME SCEGLIERLA?

Comprare la macchina da cucire, quando cucire diventa una vera e propria passione, è un passo che prima di essere fatto porta a domandarsi: che macchina acquistare?



Per rispondere a questa domanda è necessario che stabiliate prima di tutto dei punti fondamentali:

1 ) il budget a disposizione: se non avete problemi di budget è ovvio che potete permettervi di prendere una macchina multiaccessoriata, robusta, con delle prestazioni assolutamente professionali.
Cio nonostante qualsiasi macchina prendiate in considerazione, anche la più evoluta tecnologicamente, non sarà perfetta per qualsiasi cosa dobbiate cucire, ma sarà buonissima per un uso, meno buona per un altro.

Allora dovete stabilire:

2) l'uso che dovete fare di questa macchina: vi piace ricamare? confezionate molti abiti? fate solo lavori di cucito creativo? Vi piace trapuntare coperte e fare lavori di patchwork? Quanto la usate, spesso o sporadicamente?

E' inutile scegliere una macchina che abbia 10.000 punti decorativi o lettere monogrammate se poi la utilizzeremo solo per fare delle riparazioni. Se vorremo usarla per confezionare abiti sappiate che la maggior parte delle volte utilizzeremo solo 3 o 4 punti ( dritto, zig zag, asola, elastico ).

Le macchine da cucire sono meccaniche o elettroniche. Se siete alle prime armi vi consiglio di optare per una macchina meccanica, per iniziare a fare un pò di pratica, le elettroniche sono più delicate e appartengono ad una fascia di budget medio-alta e quindi costituiscono un vero e proprio investimento che dovrà durare nel tempo.

Non è detto poi che una macchina economica sia di qualità scadente.
Oramai tutte le macchine di nuova generazione, anche quelle economiche, hanno delle buone prestazioni.
Ma decisiva è la frequenza con la quale cuciamo. Se cuciamo spesso l'usura e lo sforzo effettuato dalla macchina per usi superiori alle sue capacità di prestazione, porta gli ingranaggi interni a danneggiarsi. Specialmente se di plastica. Più parti interne di metallo ha e più robusta è la macchina da cucire.Cercate una macchina che sia robusta. Se provate ad andare ai mercatini dell'usato, con una piccola spesa e una revisione, potrete acquistare una macchina da cucire di vecchia generazione, una macchina con i punti essenziali , quelli che servono, e con tutte le parti in metallo. Sicuramente robustissima e ideale per chi non ha pretese di tecnologia avanzata ma vuole iniziare a cucire e a fare pratica.

3) Stabilito l'uso che ne farete, quali funzioni ricercare?

- Possibilità di modificare lunghezza e sopratutto ampiezza del punto zig zag.  Le macchine più economiche in genere non consentono di decidere in autonomia l'ampiezza dello zig zag, ma incorporano nel suo menù di selezione più punti  di zig zag di  diversa ampiezza. Non è la stessa cosa , ma meglio di niente.
- Possibile funzione di autoregolazione della tensione del filo: se avete questa funzione eviterete di fare numerose prove, per la giusta tensione del filo, sul tessuto specifico che dovrete cucire...la tensione del filo è una cosa molto importante per la regolarità del punto di cucitura e per la sua tenuta. Io ho trovato questa funzione in una macchina super economica comprata ad un supermercato.
- Alzata del piedino: Questo fattore vi consente di sapere se potrete cucire anche su tessuti pesanti, dallo spessore più alto. Ad esempio se dovete fare l'orlo ad un paio di jeans, un alzata di 4 mm non vi permetterà di passare la macchina sulle cuciture laterali. Allo stesso modo non potrete cucire attraverso spesse imbottiture, se la vostra passione è il quilting.
- Trasporto e doppio trasporto: Il trasporto è quel meccanismo che fa scorrere il tessuto in automatico man mano che vengono effettuati i punti di cucitura. Se è doppio, il tessuto scorre facilmente ed i meccanismi interni non sono soggetti ad alcuno sforzo. Cucire trapunte e cappotti sarà una passeggiata. Una buona macchina però consente di cucire bene anche su tessuti leggeri e delicati senza che questi vengano "mangiati" e rovinati dal meccanismo di trasporto.
- Possibilità di spostare l'ago quando eseguiamo il punto dritto: Se potete scegliere la posizione dell'ago , a sinistra al centro o a destra, sarà più facile per voi regolare la cucitura in base al margine di cucitura che dovete lasciare. Ad esempio, ho trovato molto utile questa funzione quando ho dovuto cucire il più vicino possibile al bordo di una cerniera.
- Possibilità di eseguire cuciture a mano libera: questa funzione vi consente di effettuare rammendi e di eseguire dei ricami anche con macchine meno costose, e, con un pò di accorgimenti, il risultato finito sarà ugualmente buono.

4) Ora: quale modello scegliere in base ai punti che abbiamo stabilito? quale marca sarà più affidabile? come orientarci?
Ci sono molte aziende che vendono on line, alle quali potrete chiedere consiglio.
Vi indirizzeranno, dato l' utilizzo che avete stabilito di farne,  su uno o più  modelli di macchina che possono soddisfare le vostre necessità. Sicuramente vi verranno proposte più alternative.

Per orientarvi su quale scelta effettuare tra le alternative proposte, potete iscrivervi ad un forum di cucito e chiedere un giudizio a sarte che hanno già provato i modelli verso i quali siete indirizzati.
Cercate delle  recensioni sul web.

Vi auguro di fare un ottima scelta.


Vi renderà felici.

Buon lavoro.






1 commento:

  1. "Ciao Maria, so che il post è vecchio, ma magari rispondi ancora. Sto decidendo quale modello Singer acquistare. Per ora non ho ancora deciso, la Singer 3221 mi sembra molto carina, ma chiaramente non capisco ancora molto delle funzionalità e non vorrei fare errori... tu cosa consiglieresti a una principiante totale come me?
    Poi, un'altra cosa, scusa: la Singer l'ho trovata su questo sito: http://www.topmacchinedacucire.com/ tu me lo consigli, o me ne consigli altri?"

    RispondiElimina